lunedì 9 settembre 2013

Marco Mengoni: #sentiilsound

"Con te ero immobile..." sono le note che aprono 'L'essenziale tour' e che fanno impazzire il pubblico palermitano del Teatro di Verdura il 27 agosto di quest'anno. C'è agitazione nell'aria, i fan fremono, l'euforia cresce sempre di più, le voci si intonano...ed eccolo lì Marco Mengoni con il suo completo Ferragamo, elegante, delicato, carico e con una grande voglia di comunicare e di raccontarsi ad un pubblico ricco di aspettative ed impaziente. Giacca e pantaloni blu, camicia bianca e cravatta nera, l'inconfondibile stile classico ed elegante della maison fiorentina, un look sobrio e chic stravolto dalle sneakers Diadora, anch'esse blu. Stile regale dai tagli e colori ricercati, colletto e cravatta ben stretti (poco facili da portare in questa calda serata di fine agosto), tutti elementi che lo caratterizzavano già durante l'ultimo Festival di Sanremo, quando trionfava nella categoria Big con il brano 'L'essenziale', pezzo estremamente profondo e fortunato che darà il nome al tour e che verrà presentato all'Eurovision Song Contest 2013 classificandosi al settimo posto. Anche in queste occasioni la mano e lo stile di Salvatore Ferragamo saranno ben noti. Sul palco una band di cinque elementi distribuiti su più livelli (molti dei quali amici di gioventù con il quale ha cominciato la sua carriera canora), una scenografia semplice ma di grande impatto vede nove colonne luminose fare giochi di luce a dir poco spettacolari (durante l'ultimo pezzo, 'Una parola', si respira quasi un'aria disco anni '70) che riescono ad impressionarci al punto tale da farci immaginare scenografie diverse in base al pezzo che si sta cantando: così avremo la dolcezza tra le note di 'In un giorno qualunque' e 'Natale senza regali', fino ad immergerci in una particolarissima versione sunshine regge di 'Questa notte' in perfetto stile 'Could you be loved' di Bob Marley. Qui è già avvenuto il secondo cambio d'abito per Marco e il toxedo blu ha lasciato spazio a bermuda eleganti, camicia bianca, gilet (che poi toglierà) e cravatta nera. Marco canta, balla, si diverte e diverte, racconta aneddoti e particolari momenti della sua vita con un'intelligentissima ironia e un simpatico accento romano :) E via con il terzo ed ultimo cambio, questa volta la camicia verrà sostituita da una maglia bianca con su scritto #sentiilsound, maglia e logo che ormai identificano il nostro beniamino e il tour in questione (anch'io l'ho comprata :P). Il pubblico di fan decide di ringraziarlo durante le note di  'Non passerai', così una schiera di cellulari illuminati, ondeggiando come tante piccole lucciole, si lasciano trasportare dalla melodia, creando stupore ed emozione in Marco che chiede ai suoi collaboratori di riprendere questo momento così magico, che si conclude con un 'grazie' di alcuni cellulari accesi. La scaletta è stata stravolta, infatti prevedeva anche molti altri suoi successi, ma lo spettacolo è stato talmente intenso ed emozionante che non ce ne siamo quasi accorti.

Marco nasce a Ronciglione il 25/12/88 e adolescente prende subito lezioni di canto, partecipa ad X-Factor e nel 2009 vince la terza edizione del fortunato programma sotto la guida di Morgan. In quattro anni arriva terzo al Festival di Sanremo 2010 con 'Credimi ancora' e, due anni dopo, primo con 'L'essenziale' (durante la prima serata presenta anche il brano 'Bellissimo'  scritto da Gianna Nannini e Pacifico e 'Ciao amore ciao' di Luigi Tenco, durante la serata del Sanremo Story). Viene scelto per l'Eurovision Song Contest 2013, è il primo artista italiano ad aver vinto il Best European Act agli MTV Europe Music Awards nel 2010, più di 470.000 copie vendute, 4 album, molti dei quali divenuti disco d'oro, di platino e multiplatino. Durante questi quattro anni duetta con Lucio Dalla che lo definisce ''un'artista straordinario, uno dei migliori negli ultimi anni...ha una personalità internazionale, mi sembra quasi Prince!'', tanto da volerlo fortemente per la sua 'Meri Luis', affermando che la canzone in questione sia ''incantabile da chiunque tranne che per lui!". Ma non solo, interpreterà anche ''Scrivi qualcosa per me'' di Alex Baroni e prenderà parte al progetto ''Il senso di...Alex'' realizzato per il 10 anni della sua scomparsa, o ancora il brano ''Destra-Sinistra'' di Giorgio Gaber in onore del progetto ''Per Gaber...io ci sono'', che poi diventerà anche la colonna sonora del film ''Passione Sinistra'' di Marco Ponti con A. Preziosi e V. Lodovini. Vestirà anche i panni del doppiatore nel film animato in 3D 'Lorax- Il guardiano della foresta'. Così, apprezzato da Mina e cantanti del suo stesso calibro, Marco si fa strada verso il successo, accompagnato solo dalla sua voce, da un timbro soul con accenti pop-rock moderni con tanto di sfumature blues. Marco e la grande padronanza che ha della sua voce, oltre alla sconvolgente e naturale estensione vocale; Marco e le sue insicurezze che svaniscono su quel palco di cui diventa unico padrone, vero Re che si emoziona con il suo #esercito di fan. 

Sapevo che avrei visto un concerto spettacolare dal punto di vista canoro e musicale, ma mi aspettavo un Marco timido, indifeso e silenzioso, quando invece ho trovato un giovane uomo, grande e con i piedi ben saldi a terra, capace di emozionare e di emozionarsi, di intrattenere: un vero uomo di spettacolo, animale da palcoscenico, un'artista a 360° nato per fare questo mestiere. Complimenti Marco e buona vita.














La t-shirt #sentiilsound

6 commenti:

  1. ciao cara! eccomi! ti seguo anche tramite GFC un bacio

    RispondiElimina
  2. mi piace molto marco mengoni... belle foto.

    RispondiElimina
  3. Devo confessarti che quando ha vinto X factor non mi piaceva per niente,ma da un pò di tempo lo sto rivalutando soprattutto le sue ultime canzoni a dir poco favolose!

    RispondiElimina
  4. Io lo seguo dall'inizio e con il passare del tempo l'ho visto crescere molto dal punto di vista artistico (personalmente non lo conosco :P), poi avendo visto dal vivo la sua umanità, il rapporto con i fan e il suo essere naturalmente un animale da palcoscenico... che dire...conferme su conferme, bravissimo :D

    RispondiElimina